fbpx

100%

Droni a difesa del mais

Un settore in cui l’utilizzo dei droni è in fase di sviluppo è sul trattamento con agrofarmaci.

Le leggi, scritte prima dell’avvento dei droni, vietano l’applicazione di prodotti fitosanitari tramite aerei, per evitare la possibilità di contaminazione di colture limitrofe, strade e centri abitati. Oggi, con le nuove tecnologie, questo problema non si dovrebbe più porre.

Il progresso non si può fermare: in America e Giappone, per questo tipo di lavoro si utilizzano droni di grandi dimensioni, con motori a scoppio, a lunga percorrenza e capaci di trasportare carichi pesanti. «Stiamo studiando una sperimentazione per dimostrare agli organi competenti che l’uso di droni per trattamenti fitosanitari non fa più danni di un elicottero – affermano da Dronezone -.  Ma vogliamo fare di più: dimostrare che l’uso di questi apparecchi è migliore di quello dei classici atomizzatori. Grazie ad un velivolo senza pilota c’è un’applicazione più mirata del prodotto, si riducono le derive e gli operatori non sono esposti ai fitofarmaci».

In futuro certamente vedremo sempre più droni nelle nostre campagne.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

BIRAGHI S.p.A.
Cavallermaggiore 
CUNEO (ITALY) 
Telefono +39-0172-3801 
Fax +39-0172-380298 
Email biraghi@biraghi.it 
P.IVA 00486510043