fbpx

100%

Agroalimentare italiano alla prova della Brexit: a rischio le importazioni

Prosecco e polpa di pomodoro. Queste sono le più importanti esportazioni italiane verso la Gran Bretagna. Il dato è scaturito da una ricerca realizzata da Nomisma per “Agrifood Monitor”.

Con un valore stimato di 56 miliardi di euro, il Regno Unito rappresenta il sesto mercato al mondo per importazione di prodotti agroalimentari e il secondo per consumi a livello europeo (250 miliardi di euro nel 2017) dato che la Gran Bretagna è un paese dove l’autosufficienza alimentare non supera il 50%. In questo contesto, l’Italia è il sesto fornitore, con una quota a valore vicina al 6% dell’import britannico. «I casi di prodotti fortemente legati agli acquisti dal Regno Unito sono numerosi. Basti pensare al Prosecco, per il quale la Gran Bretagna assorbe circa il 40% di tutto l’export, oppure ai pelati e alle polpe di pomodoro per le quali l’incidenza di questo mercato arriva al 20%», afferma Denis Pantini, responsabile dell’Area Agroalimentare di Nomisma. Tra i prodotti che vantano valori di esportazione più contenuti (sotto i 100 milioni di euro in questo mercato) ci sono le zuppe pronte e i fagioli in scatola per i quali la Gran Bretagna assorbe circa un terzo delle vendite oltre confine e i formaggi dop, come il Parmigiano Reggiano e il Grana Padano che in Uk valgono il 9% delle vendite oltralpe.

«Sono numeri importanti che invitano a prestare attenzione all’evolversi nel negoziato in corso, anche perché da come saranno definiti gli accordi di uscita, e da come questi impatteranno sulla tenuta del potere di acquisto degli inglesi e sul sistema delle tutela delle denominazioni di origine, non dipende solo il futuro di alcuni tra i principali prodotti del food&beverage italiano ma anche delle economie collegate. Ad esempio in tre regioni come la Campania, il Veneto e la Basilicata, il Regno Unito pesa il 15% delle esportazioni agroalimentari regionali», conclude Denis Pantini.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

BIRAGHI S.p.A.
Cavallermaggiore 
CUNEO (ITALY) 
Telefono +39-0172-3801 
Fax +39-0172-380298 
Email biraghi@biraghi.it 
P.IVA 00486510043